Profumo… di Austerità! – OccupyUnibo vs Napolitano

Pubblichiamo il comunicato degli studenti di Bologna, che ieri sono stati caricati mentre contestavano l’inaugurazione dell’anno accademico del loro ateneo e la consegna della laurea honoris causa a napolitano. Letterature&Conflitto è, anche, sperimentazione dal basso di un’università differente, di autogestione della formazione, di riappropriazione dei saperi. Per questo ci riconosciamo nei contenuti e nelle pratiche con cui ieri gli studenti bolognesi hanno preso parola. Nell’università che stiamo costruendo  non c’è spazio per le cerimonie dei baroni e per l’incensamento dei tecnocrati!

(da infoaut.org)

Quest’anno l’inaugurazione dell’anno accademico bolognese non è rimasta una semplice festa di autoincensamento per i baroni ed i poteri forti dell’università e della città. Fuori dal palazzo blindatissimo dove si svolgeva la cerimonia centinaia di studenti e studentesse hanno inaugurato un 2012 di lotte contro l’austerità ed il governo delle banche. Corteo selvaggio, blocchi stradali, resistenza dalle cariche della celere, rabbia e voglia di riprendersi un futuro sempre più negato hanno caratterizzato la giornata. Dopo che l’anno scorso il movimento studentesco aveva fatto annullare la cerimonia-farsa, anche quest’anno, al grido di “Nulla da inaugurare, nulla da festeggiare”, si è svolta una giornata non pacificata di rilancio delle lotte sociali. Come ieri il movimento #Occupy statunitense ha contestato Obama, oggi in Italia re Giorgio, un altro tra gli uomini coi quali l’1% globale cerca di celare le politiche di austerità è stato contestato da chi, dentro la crisi, immagina e pratica un domani libero dalla precarietà e dalla povertà crescente.

Dalle montagne valsusine alla pianura emiliana, continuano ad echeggiare le parole di chi “paura non ne ha” e, consapevole che “a sarà dura”, si mette in gioco: consapevoli che è solo a partire dalle lotte che è possibile conquistare reddito e diritti sempre più sotto attacco dalla dittatura di banche e finanza. E’ stato detto a gran voce nel corteo che il nuovo ministro dell’istruzione Profumo odora di vecchio: con lui continua, dopo la Gelmini, la distruzione della scuola e dell’università. Come #OccupyUnibo siamo convint* che, anche a partire dalla giornata di oggi, sia importante prendere parola e contestare tutte le inaugurazioni di anni accademici negli atenei italiani. Siamo convinti sia, oggi più che mai, giusto e necessario ripartire dalle università per rilanciare un sano conflitto sociale, unico ingrediente per resistere a chi ci vuole sempre più precari; per non pagare per davvero questa crisi e liberarci dal giogo del debito.

Dalla Val di Susa No Tav alla Sicilia, questo 2012 sta iniziando a prendere la direzione giusta. Da domani inizieremo a costruire la partecipazione alla giornata del 25 Febbraio: una grande manifestazione solidale con gli/le arrestat* del movimento No Tav e per far incontrare tutte le resistenze. Crediamo inoltre che, oggi più che mai, sia solo su scala transnazionale che è possibile immaginare una reale alternativa alla miseria del presente. Dagli Stati Uniti all’Europa e fino all’Egitto, sta emergendo la volontà di far diventare il 15 Maggio una giornata di sciopero precario e metropolitano. Verso quella direzione ripartiamo dai nostri territori per costruire lotte dentro le facoltà ed i luoghi della produzione, forti della consapevolezza che non ci fermeranno mai.

A sarà dura, per loro!

#OccupyUnibo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...