LUGLIO 2020

Fa un caldo afoso in questo sabatofoto1 sera di luglio, è dal tardo pomeriggio che sto camminando con un mazzo di rose in mano girando tutti gli apericena di Via Po, cazzo le caviglie mi fanno male e, oltretutto, sti’ plasticoni di scarpe da cinque euro non aiutano.

E le rose! Se non le vendo tra un paio d’ore non me le posso certo mangiare (anche se potrei provarci, dal colore sembrano buone e poi, in mancanza di meglio…). Continua a leggere

La rivincita

Piazza Castello era gremita di gente askatasuna-4mod2ma ne stava arrivando molta di più da tutte le vie principali a ridosso di essa. Studenti, universitari, precari, operai, c’erano tutti, tenuti insieme dalla stessa rabbia ormai divenuta incontrollabile. C’era una strana atmosfera, la piazza sembrava una grande pentola a pressione sul punto di scoppiare, con il cielo plumbeo di Torino che si schiacciava su di essa, come un enorme e pesante coperchio che di lì a poco sarebbe stato spazzato via dalla violenta esplosione. Continua a leggere